ENTRA nella community dei FANS di Adriano Celentano!
giu 11 2015

L’emozionante omaggio a Gianni Bella, signore della musica italiana

La serata di Rete 4 in omaggio al cantautore, colpito da un ictus pochi anni fa, è stata un grande successo di musica, emozioni e pubblico. L’omaggio necessario e doveroso ad un artista che ha composto alcune delle canzoni più belle della storia della musica nostrana, su tutte “L’emozione non ha voce” per Celentano.

Gianni Bella

La serata in onore di Gianni Bella, voluta da sua sorella Marcella, alla quale hanno partecipato tanti amici e colleghi dei due, che hanno percorso un pezzo di strada importante lungo i 40 anni di carriera di Bella, è stata trionfale ed emozionante. Il pubblico da casa ha seguito lo speciale di Rete4, dove Deborah Iurato, Annalisa Scarrone, Mario Biondi, Loredana Bertè, Mario Lavezzi, Umberto Tozzi, Mogol e ovviamente Marcella Bella, hanno espresso tutta la stima e la riconoscenza dovuta, ad un artista che è certamente stato artefice di alcuni dei pezzi più belli della storia musicale recente italiana. I videomessaggi di Gianni Morandi, Eros Ramazzotti, Fiorella Mannoia, Arisa, Emma, Pupo, Andrea Mingardi, Riccardo Fogli, Gino Vannelli, Alba Parietti, Cristiano Malgioglio e Dalila Di Lazzaro, hanno impreziosito ulteriormente la serata, senza dimenticare il regalo speciale di Adriano Celentano, per il quale Bella ha composto i più noti pezzi degli ultimi decenni, uno su tutti “L’emozione non ha voce”.

L’ictus e la solidarietà del mondo della musica
Negli ultimi anni, come noto, l’autore è stato vittima di un ictus che ne ha seriamente compromesso la carriera, nonostante sia riuscito fisicamente a riprendersi. Morandi, Celentano e altri suoi grandi colleghi, consapevoli dell’importanza strutturale del personaggio, a dispetto di una sua visibilità pubblica e una notorietà ridimensionata, non hanno mai perso occasione di omaggiarlo negli ultimi anni, esaltando il peso e la rilevanza storica di Gianni Bella. La serata a lui dedicata su Rete 4 ha in fondo dato atto al compositore dei suoi meriti, anche a livello pubblico.

Grandi ascolti per la serata in onore di Gianni Bella
A testimoniare l’affetto del pubblico c’è stato anche il riscontro ottenuto da  Rete 4 in termini di ascolti, visto che “Una serata Bella per te, Gianni!”, è riuscito a far sì che lo share di Rete4 crescesse rispetto alla media consueta sulla quale viaggia la rete Mediaset, collezionando 2.418.000 telespettatori, per uno share complessivo del 11,8%. Come molti avranno notato, alla serata erano presenti anche personaggi del mondo televisivo, come Mara Venier, Barbara D’Urso e Alfonso Signorini, che certamente hanno avuto una funzione importante per quel che riguarda il seguito di pubblico. Il programma, in effetti, è riuscito ad alterare l’abituale graduatoria nella gara d’ascolti, che vede le due ammiraglie Mediaset e Rai prevalere nettamente sulla concorrenza. A vincere è stata sì Canale 5, con Il Sospetto, che tuttavia non è andato oltre  i 3.007.000 telespettatori, share 12,84%. Subito dopo il film tv “Cara Viola”, con 2.166.000 telespettatori, share 8,77%.

Perché Gianni Bella è così importante per la musica italiana?
Sin dall’inizio degli anni ’70 Gianni Bella emerge, prima come componente di un gruppo musicale, poi come solista, come uno dei musicisti e compositori più brillante del contesto musicale italiano. Sia in appoggio della carriera di sua sorella, Marcella, per la quale ha composto “Montagne Verdi” e “L’Aria”, giusto per citare le arcinote, sia al servizio di grandi nomi della scena musicale italiana di quegli anni, che poi si sono confermati tali anche nei decenni successivi. Bella ha inaugurato, a partire dagli anni ’80 un sodalizio artistico con il paroliere per eccellenza della musica nostrana, Mogol. Con lui ha composto per Morandi, per Marcella Bella stessa, per poi dare vita, negli anni ’90, a quello che è probabilmente il suo lavoro più riuscito, con Celentano. “L’Emozione non ha Voce” è la punta più alta di quell’album, “Esco di rado e parlo ancora meno”, di cui Bella firma la maggior parte dei brani.

10/06/2015 – Tv Fanpage (tv.fanpage.it)


ott 17 2014

Federico Zaccone a Blogo: “Lo stylist è lo psicologo delle star”

Da Chiara Galiazzo a Laura Pausini passando per Adriano Celentano e Perturbazione: i look delle star raccontati a Blogo dallo stylist Federico Zaccone.

Se mi avessero detto che questo sarebbe diventato davvero il mio lavoro, non ci avrei mai creduto! Così mi dice Federico Zaccone, giovane stylist, che in pochissimi anni ha avuto modo di collaborare con grandissimi nomi della musica e della tv italiana da Laura Pausini a Barbara d’Urso. Il tutto a 26 anni non ancora compiuti. Se volete scoprire come ci sia riuscito e curiosare tra i segreti dei look delle star nostrane, vi riportiamo qui di seguito la nostra chiacchierata con Federico che vi accompagnerà in un piccolo grande viaggio dal Festival di Sanremo all’Arena di Verona facendovi conoscere più da vicino perfino Adriano Celentano…

Federico Zaccone - Tesserino 'Adriano Live'

[…]

E ti è mai capitato che fosse “difficile” collaborare con qualcuno?

Guarda, in realtà no. Questo lavoro non è certo una passeggiata, ma per fortuna mi sono sempre capitati progetti splendidi con artisti meravigliosi sia dal punto di vista musicale che da quello umano. Certo, richieste “impossibili” ci sono sempre…

Tipo?

Ho collaborato ai costumi dell’ultimo show di Celentano all’Arena di Verona, Adriano Live, che è stato trasmesso anche su Canale 5. È stata un’esperienza incredibile e formativa soprattutto perché ha avuto dei ritmi allucinanti. Pensa che la coreografia di Yuppi Du non doveva essere fatta ma, praticamente in diretta, Celentano ha cambiato idea quindi noi del team di stylist abbiamo dovuto inventarci qualcosa in tempo zero per i ragazzi che sarebbero saliti sul palco con lui. Insieme alle sarte abbiamo tagliuzzato delle maglie in modo da creare dei look credibili e sensati in tempo zero. Missione compiuta, per fortuna. Sempre per lo stesso show ci ha chiesto di inventarci dei look da “vichinghi moderni”, inizialmente mi sono fatto delle domande ma alla fine non era poi così impossibile, abbiamo fatto anche quelli e lui era molto soddisfatto del nostro lavoro… Meno male!

[…]

di Grazia Sambruna

16/10/2014 – FashionBlog.it


apr 6 2014

Da “Domenica Live” del 06/04/2014

La dedica di Adriano Celentano a Gianni Bella…

http://www.youtube.com/watch?v=IOvaTXbCU74

Andrea


set 6 2012

Vasco Rossi: frecciatine a Barbara d’Urso, Morandi e Celentano

Il rocker di Zocca si toglie qualche sassolino dalla scarpa e ironizza sui colleghi dei talk show

Vasco Rossi (© Cover Media)

MILANO – Vasco Rossi ha sbeffeggiato (metaforicamente) i conduttori televisivi Barbara d’Urso, Gianni Morandi e Adriano Celentano.

Il rocker è atteso a marzo sul piccolo schermo, dove condurrà un nuovo format, antagonista a quelli già esistenti, che darà visibilità ai ragazzi del concorso Rock®Evolution. In uno degli ultimi post pubblicati sul suo profilo Facebook, Vasco Rossi non ha perso occasione per lanciare una frecciatina ai colleghi dei talk show, dichiarandosi tranquillo in vista della nuova sfida professionale.

«Non sono molto preoccupato per il ruolo di conduttore. Dopo Morandi, Celentano e Barbara d’Urso – prosegue tranquillo il Comandante – ce la dovrei fare anch’io. E comunque vada sarà un successo», ha ironizzato la star puntando il dito contro la conduzione “scadente” dei tre personaggi.

«Ci vedremo a fine marzo attraverso il tubo catodico. Ormai mancavo solo io a fare un programma in tivvù! La cosa non è ancora sicura al cento per cento… Bibi Ballandi non ha ancora sciolto le riserve. Mi deve rispondere in settimana».

Di certo, Rossi è pronto ed entusiasta della nuova avventura che non vede l’ora di cominciare. «Voglio fare questa esperienza – afferma sicuro si sé e della sua capacità di catalizzare l’attenzione del pubblico – e voglio farla diventare l’evento televisivo più importante dell’anno. Voglio vedere chi non lo guarderà almeno per curiosità! Tutto andrà in una certa direzione. Nessuna ipocrisia. Ci saranno discorsi sinceri, onesti, certamente scomodi e anche provocatori, ma sempre entro i limiti della decenza pubblica! Ci sarà musica e sorprese… e forse anche Celentano come intervistato».

04/09/2012 – Ticinonline (www.tio.ch)