ENTRA nella community dei FANS di Adriano Celentano!
apr 6 2014

Da “Domenica Live” del 06/04/2014

La dedica di Adriano Celentano a Gianni Bella…

Immagine anteprima YouTube

Andrea


set 6 2012

Vasco Rossi: frecciatine a Barbara d’Urso, Morandi e Celentano

Il rocker di Zocca si toglie qualche sassolino dalla scarpa e ironizza sui colleghi dei talk show

Vasco Rossi (© Cover Media)

MILANO – Vasco Rossi ha sbeffeggiato (metaforicamente) i conduttori televisivi Barbara d’Urso, Gianni Morandi e Adriano Celentano.

Il rocker è atteso a marzo sul piccolo schermo, dove condurrà un nuovo format, antagonista a quelli già esistenti, che darà visibilità ai ragazzi del concorso Rock®Evolution. In uno degli ultimi post pubblicati sul suo profilo Facebook, Vasco Rossi non ha perso occasione per lanciare una frecciatina ai colleghi dei talk show, dichiarandosi tranquillo in vista della nuova sfida professionale.

«Non sono molto preoccupato per il ruolo di conduttore. Dopo Morandi, Celentano e Barbara d’Urso – prosegue tranquillo il Comandante – ce la dovrei fare anch’io. E comunque vada sarà un successo», ha ironizzato la star puntando il dito contro la conduzione “scadente” dei tre personaggi.

«Ci vedremo a fine marzo attraverso il tubo catodico. Ormai mancavo solo io a fare un programma in tivvù! La cosa non è ancora sicura al cento per cento… Bibi Ballandi non ha ancora sciolto le riserve. Mi deve rispondere in settimana».

Di certo, Rossi è pronto ed entusiasta della nuova avventura che non vede l’ora di cominciare. «Voglio fare questa esperienza – afferma sicuro si sé e della sua capacità di catalizzare l’attenzione del pubblico – e voglio farla diventare l’evento televisivo più importante dell’anno. Voglio vedere chi non lo guarderà almeno per curiosità! Tutto andrà in una certa direzione. Nessuna ipocrisia. Ci saranno discorsi sinceri, onesti, certamente scomodi e anche provocatori, ma sempre entro i limiti della decenza pubblica! Ci sarà musica e sorprese… e forse anche Celentano come intervistato».

04/09/2012 – Ticinonline (www.tio.ch)